Chi erano i Guardiani Idraulici

I Guardiani Idraulici: i custodi delle acque dei canali

I guardiani idraulici (o custodi delle acque) erano gli incaricati che svolgevano determinati tipi di lavori nel campo della regolazione della navigazione e manutenzione del tratto attiguo del Naviglio.

Ex edificio del guardiano idraulico alla conca di Rozzano

Le mansioni dei guardiani idraulici

Nell’Ottocento i poteri ed i doveri del custode per la costante manutenzione delle rive erano molteplici: egli aveva il compito di vigilare giorno e notte sullo stato delle sponde, segnalando periodicamente alle autorità milanesi eventuali scavamenti, e verificare cedimenti nella riva.

I Guardiani idraulici sul Naviglio Grande

Poiché il Naviglio Grande non poteva essere posto in asciutta al fine di non arrecare danno ai commerci ed all’irrigazione, venivano scaricati in acqua mediante le barche diversi quantitativi di ciottoli del fiume Ticino, a guisa di sostegno, al fine di annullare sul fondo le ondulazioni che generavano gorghi pericolosi per la navigazione.

Le riparazioni a regola d’arte venivano invece effettuate durante le due asciutte primaverile ed invernale.

L’Autorità competente monitorava costantemente anche il livello d’acqua presente: il custode aveva quindi il compito di rilevarlo tre volte al giorno, attraverso un idrometro fisso immerso nel canale e, ogni quindici giorni, inviava a Milano “lo stato del pelo dell’acqua”.

I custodi delle acque presenti sul Naviglio Grande, avevano anche il compito di segnalare periodicamente all’Autorità da cui dipendevano il numero dei barchetti delle stazioni di Robecco e Abbiategrasso, con: i nomi dei proprietari, le caratteristiche, la forma e lo stato delle imbarcazioni.

Ogni barca veniva periodicamente ispezionata dal custode, coadiuvato da un perito, il quale constatava la conformità della barca ai regolamenti: in particolare una barca-corriere doveva essere lunga 17,50 m. e larga al massimo 2,90 m., doveva essere costruita in legno di rovere e, se non fosse stata ritenuta in buono stato, se ne sarebbe dovuta ordinare la riparazione, mentre se fosse stata trovata logora se ne sarebbe dovuta dichiarare la non idoneità.

I Guardiani idraulici sul Naviglio Pavese

Sul Naviglio Pavese invece, quasi ogni conca aveva un custode, alloggiato in un’apposita casa, responsabile della navigazione e del tratto di naviglio attiguo, inoltre vi era un incaricato per il funzionamento del ponte galleggiante e girevole di Badile e un altro per la supervisione dell’ultimo tratto prima del Ticino, per un totale così di 14 persone stipendiate

Nel 1906 vi erano 7 caselli di forma ottagonale in mattoni a vista, esattamente al primo, terzo, quarto, ottavo, decimo, undicesimo e dodicesimo sostegno (conca). Questi servivano come luogo di ricovero per i manovratori della conca, oltre esser un valido deposito per gli attrezzi.

La Conchetta sul Naviglio Grande Milano
La Conchetta ed il casello in mattoni

11 invece erano le case di abitazione del personale subalterno che sorgevano in prossimità dei sostegni, presenti al: secondo, terzo, quarto, al ponte mobile di Badile, quinto, sesto, settimo, ottavo, decimo, undicesimo e dodicesimo sostegno.

Pochi di questi edifici sono ancora visibili purtroppo; molto di questi sono andati distrutti o abbandonati all’incuria. Uno dei pochi edifici a salvarsi è quello di Moirago, dove la casa del guardiano idraulico è stato comprata dagli artisti Giacomo Sparasci e Annamaria Miglietta nel 1988, che hanno saputo ristrutturare e dare di nuovo vita a questo caratteristico e storico edificio sulla sponda sinistra del Naviglio Pavese.

Oggi, oltre alla loro abitazione, ospita un B&B e un atelier di scultura.

Guardiano delle Acque di Moirago (Frazione di Zibido San Giacomo)

Cosa sono e come funzionano le conche?

Se non sai cosa sono le conche non preoccuparti perchè te lo spiego io in questo articolo

Fonti:
– Navigli Lombardi
– Associazione Navigli Live http://www.naviglilive.it/LA_VERA_FORZA_DEI_NAVIGLI.html
– Scopri Rozzano www.scoprirozzano.it


Scopri il quartiere dei Navigli insieme a me

Ti piacerebbe conoscere “dal vero” questi canali? Allora ti propongo una cosa: esplora il quartiere dei Navigli insieme a me!

Ti porterò alla scoperta di fantastici luoghi, e ti farò conoscere il Naviglio Grande, la Darsena ed il Naviglio Pavese.

Mandami una mail a [email protected] per saperne di più!

error: Content is protected !!